In piazza a sostegno del popolo in ucraino: Fuori la guerra dalla storia!

Sei in: News

Manifestazione Ucraina

“Il modo migliore per aiutarvi a prevenire la guerra non è ripetere le vostre parole e i vostri metodi ma inventare nuove parole e nuovi metodi”, Virginia Woolf ne Le Tre Ghinee così scriveva sulla guerra. Il femminismo è sempre stato contro ogni intervento bellico e la retorica di “guerra giusta”, “guerra santa”, “guerra umanitaria”.

Le attiviste di Demetra si sono mobilitate per partecipare alle manifestazioni che il 26, 27 e 28 febbraio nella Bassa Romagna e a Ravenna si sono svolte nelle piazze per dire no alla guerra ed esprimete solidarietà al popolo ucraino. A Lugo il monumento di Francesco Baracca è stato illuminato con i colori della bandiera ucraina per solidarietà con la popolazione sottoposta dal 23 febbraio a bombardamenti. Sono già oltre 400mila i rifugiati che stanno oltrepassando i confini con la Romania e la Polonia e già si prevede che saranno circa 3 milioni le persone in fuga dall’Ucraina. In queste ore stanno entrando nei territori dell’Unione Europea per trovare accoglienza e rifugio, sono donne, bambini, uomini e anziani che hanno dovuto lasciare la loro casa o che l’hanno già persa sotto i bombardamenti, che sono precipitati nell’angoscia di un conflitto armato e di un presente senza speranza: “La nostra vita è distrutta” dicono.

In tutta Italia, nelle capitali europee, a Mosca e a San Pietroburgo ci sono state manifestazioni a sostegno della popolazione ucraina in una guerra che ora rischia di estendersi e diventare mondiale. Alle mire espansionistiche, di potere, di competitività, di sfruttamento e profitto, e alla logica della guerra dobbiamo sostituire l’etica della cura, dell’accoglienza, della risoluzione dei conflitti con il dialogo. Siamo tutte e tutti in rete, siamo tutte e tutti legati, le guerre, qualunque guerra colpisce l’umanità intera.

Abbiamo partecipato e parteciperemo insieme a tutte le associazioni pacifiste alla manifestazioni che si organizzeranno affinché la guerra, manifestazione estrema della violenza patriarcale, sia messa definitivamente fuori dalla storia.

Resta in contatto con noi

Inserisci la tua email e clicca ISCRIVITI per iscriverti alla nostra newsletter.

* Obbligatori