Demetra sosterrà la libertà di scelta delle donne in materia di interruzione volontaria di gravidanza

Sei in: News

Gruppo Demetra assemblea legislativa

L’associazione Demetra Donne in aiuto, insieme alle associazioni che gestiscono centri antiviolenza in Emilia-Romagna, esprimono preoccupazione per l’attuale decisione del Governo di lasciare alle Regioni, la decisione di far entrare associazioni cosiddette Pro-life nei consultori. E’ vero che la legge 194 prevede all’articolo 2 che i consultori debbano “contribuire a far superare le cause che potrebbero indurre la donna all’interruzione della gravidanza” e per questo possono “avvalersi della collaborazione volontaria di idonee formazioni sociali si base e associazioni di volontariato che possono anche aiutare la maternità difficile dopo la nascita ” ma la scelta di far entrare direttamente nei consultori associazioni orientate politicamente e ideologicamente contro la legge 194 desta perplessità e preoccupazione. Si teme che aumenti il rischio di pressioni psicologiche nei confronti di donne che vogliono essere libere di scegliere e vanno sostenute per una scelta consapevole e libera da condizionamenti. Il posizionamento ideologico delle associazioni cosiddette Pro-life è quello di impedire l’Ivg. La legge 194 se è vero che mira a impedire eventuali ostacoli che possano impedire ad una donna di diventare madre, in più passaggi cita il rispetto della dignità della donna. Da anni, le donne che si rivolgono al sistema sanitario per sottoporsi ad ivg, denunciano vessazioni e umiliazioni subite nei reparti di ginecologia, e spesso incontrano l’ostacolo dell’elevato numero di personale obiettore che impedisce l’applicazione piena della legge. Purtroppo, è un dato di fatto ormai, che molte donne, come negli anni precedenti al 1978 (anno in cui fu approvata la 194) sono costrette ad andare all’estero: Spagna, Inghilterra, Francia. Ancora più drammatica è la condizione delle donne che devono sottoporsi a interruzione di gravidanza terapeutica per malformazioni del feto. Demetra, insieme ad altre associazioni, si è unita alla protesta di tante associazioni sul territorio regionale e nazionale che stanno levando la loro voce contro l’emendamento al PNRR votato da Camera e Senato che apre di fatto alla presenza dei movimenti antiabortisti nelle sedi dei Consultori Pubblici. Per questo è nata in Emilia-Romagna la Rete Resistente e il 16 maggio scorso le attiviste, tra cui una rappresentante di Demetra, hanno consegnato una lettera al Presidente della Commissione Parità e Diritti un appello chiedendo che : -“la Regione resti salda nel suo orientamento di non aprire i consultori alle organizzazione Pro Life; -potenzi sul proprio territorio i consultori; – si faccia promotrice presso le altre Regioni affinché la Legge 194 sia pienamente applicata e che le disposizioni introdotte successivamente dal Ministero della Sanità sull’aborto farmacologico (RU486) nei consultori, diventino pratica comune e nella facoltà di tutte le donne che abitano la nostra nazione. Come è nella tradizione della nostra terra, in controtendenza con il vuoto di partecipazione democratica che segna questo periodo storico, le donne affermano il loro protagonismo, unite per tutelare la libertà di ognuna e per riaffermare principi democratici irrinunciabili per tutte e tutti”. Demetra sta aiutando a diffondere l’appello “My Voice, My Choice”, un’iniziativa europea che mira a rendere l’aborto sicuro e legale per tutte le donne in Europa, indipendentemente da dove vivano o dalle loro condizioni. “In troppe zone d’Europa, infatti, l’aborto è ancora illegale o fortemente ostacolato, con conseguenze devastanti per la salute e la vita delle donne. Le donne che non possono accedere a un aborto sicuro si rivolgono spesso a metodi pericolosi e clandestini, mettendo a rischio la propria vita e la propria salute”. Invitiamo a firmare la petizione “My Voice, My Choice” e aiutaci a rendere l’Europa un luogo in cui tutte le donne possono avere il controllo sul proprio corpo e sul proprio futuro.

Maggiori informazioni sulla campagna e la raccolta qui: https://bit.ly/MYVOICEMYCHOICE

Resta in contatto con noi

Inserisci la tua email e clicca ISCRIVITI per iscriverti alla nostra newsletter.

* Obbligatori